mercoledì 15 maggio 2019

Morte

Attendiamo che vestita di buio tu giunga furtiva a mettere un punto in questo luttuoso momento.
Eppure desisti, rimani alla porta e c'inganni. Non entri ma resti remota nell'aria a protrarre il funesto tormento. Sei avara col vecchio che disteso continua a soffrire, e non prendi con te chi ti invoca e vorrebbe partire.  

Perché sei agghindata di nero se poni fine al lamento? Sei luce e conforto mentre la vita svanisce; riporti alla Fede, sei Anima e Cielo quando il fiato finisce.

Ora con la pietà che ti rende giustizia terrena passami accanto ma non mi sfiorare, per me tornerai puntuale al momento. 

Abbraccia e consola chi in te cerca pace interiore e accompagna con fare sicuro chi ti anela, come un ultimo atto d'amore.



Nessun commento:

Posta un commento

Oggi

Stanca primavera senza luce né ombre, rispecchi la mente malata di una società liquida ormai alla deriva. Le azioni hanno lasciato il po...