mercoledì 30 dicembre 2015

Anno

Spumeggianti bicchieri consunti
di un anno che se ne va.
Speranze e gioie in un rituale atavico
d'invocazione agli dei,
al cielo, agli astri, al fato e a Dio.

Cambia la forma,
ma il concetto è vana bramosia
nello spasmo di ciò che non ci appartiene.

Antico momento 
identico a quello di un anno fa.

Immersa in questo istante 
di luci inutili e chiassose,
ripenso a ciò che ero, a ciò che sono
e per un attimo mi riconosco.

Poesia, preghiera
speranza, disillusione,
amore e rabbia...
nelle mille sfaccettature
di un anno che se ne va
cedendo il posto 
a un giorno identico...
e a un numero diverso.

Nessun commento:

Posta un commento

Oggi

Stanca primavera senza luce né ombre, rispecchi la mente malata di una società liquida ormai alla deriva. Le azioni hanno lasciato il po...