giovedì 1 gennaio 2015

Sei me


Nel tuo sguardo,
io rinasco ogni volta che mi consumo.
Sei fonte,
la linfa di quest'arsura.

Nel tuo sorriso vedo il domani
e l'incertezza
non m'intimorisce.

Divento forte e torno fiamma ardente.
So 
che tu sei  me 
che ho perso, annichilito, spento, deriso e sepolto.

Sei me 
quando gridi, scalpiti,
anticipando la donna che sarai.

Sei me
senza timori, rimpianti, freni e titubanze.
Sei l'aurora del mondo...
e quando
giungerà il mio tramonto
tu sarai una giornata carica di luce.






Nessun commento:

Posta un commento

Oggi

Stanca primavera senza luce né ombre, rispecchi la mente malata di una società liquida ormai alla deriva. Le azioni hanno lasciato il po...