martedì 28 ottobre 2014

via con la nebbia



La nebbia si apre all'orizzonte
stanca di velare il cielo.

Uno squarcio mi abbraccia di azzurro.
Stringo a me il silenzio del cuore.
Muta attendo
che torni a bruciare la vecchia ferita.

Non esiste più un noi.
Barcollo...
non appoggiandomi 
più alla tua assente spalla .

Scruto il cielo,
contemplandone l'azzurro.

La speranza,
mutata in sorridente certezza, 
assolve la nebbia che,
andandosene umida e pesante,
mi dona l'azzurro
trascinandoti 
finalmente lontano da me






1 commento:

  1. Nei giorni di nebbia puoi smettere per un attimo di guardare, puoi respirare, ed ascoltare… chiudi gli occhi e concentrati sulle tue sensazioni, perchè anche un giorno di nebbia non è per caso.

    RispondiElimina

Oggi

Stanca primavera senza luce né ombre, rispecchi la mente malata di una società liquida ormai alla deriva. Le azioni hanno lasciato il po...