sabato 15 giugno 2013

atto secondo


L'emozione serra la gola,
mentre son certa
che tutto...
è perso, fasullo, passato!

Risuonano
nei sensi le tue parole,
rimbomba
nel cuore, l'incredulità del vuoto.

E...
l'assenza grida clamorosamente
nel suo solido silenzio.

Lo specchio riflette l'immagine
di noi poco fa...
e mi cerco
nella mia confusione.

Tu torni e mi avvolgi
nella tua illogica semplicità.

Io ti pongo tra le mani,
ciò che,
apparentemente solo l'altro ieri
con una frase hai fatto tuo.




Nessun commento:

Posta un commento

Oggi

Stanca primavera senza luce né ombre, rispecchi la mente malata di una società liquida ormai alla deriva. Le azioni hanno lasciato il po...