lunedì 20 maggio 2013

Declino d'estate

 
Svogliata estate,
scivoli con lentezza.
Io vanamente inseguo l'attimo
nel punto preciso in cui l'ho perduto,
scordando che non è più primavera,
ma estate.
 
E tu, a un tratto vivace,
assumi il colore forte e pungente
di un bosco assolato.
Io fiacca, non sento il profumo dei fiori,
non odo il vento caldo scompigliarmi i capelli.
 
La mia antica maestria di sognare
 ora giace, orfana di rododendri in fiore.
 
Un attimo fa primavera… vestita d’altre tinte,
sorrideva sbocciando acerba, sognatrice, istintiva.
Romantica avvolgeva,
col manto di pesca i pensieri.
 
L'estate brucia sterile
di promesse, attese, speranze, e gioiose illusioni
del tempo che deve venire.
 
Io accanto a te, malata d’arsura
mi affanno a disegnar il futuro,
abbigliandomi d’artifizio.
 
Rimembro la passata stagione…
 danzante, anelante di battiti, emozioni e gioia,
che tuttora non riesco a provare.
 
Le nostre vite si dimenano ansiose,
esplorando bugie da sussurrare,
bagnate d'antico travaglio.
 
Sudo di te; stanca, bugiarda e ciarliera.
Celere, l'estate beffarda
con fare mieloso, artefatto e innaturale
si veste di fiori, oggi accecati di verde
e domani come noi,
 sciupati nella brina autunnale...
 




 

Nessun commento:

Posta un commento

Oggi

Stanca primavera senza luce né ombre, rispecchi la mente malata di una società liquida ormai alla deriva. Le azioni hanno lasciato il po...