giovedì 24 gennaio 2013

24 gennaio



L'orizzonte finalmente è limpido.
S'è quietata la sofferenza stanca,
anelante d'eterno.

Eri vigile in attesa.

Piccolo, grande vecchio,
che ti sei distinto coraggioso,
là...dove l'uomo trema,
nel buio sfuggente,
della vita che se ne va.

Non ti ho compreso nei giorni del bene,
ma ho imparato ad amarti,
scoprendo in te
l'innocenza del bambino.

A stimarti,
nella salda convinzione che l'eternità
fosse a un passo da te. 

Fortemente convinto,cercavi la pace.
E io...
dalla tua serenità,
ho colto la potenza di Dio.

In te,
oggi la vecchiaia è svanita
involucro abbandonato e definitivamente terreno.

Ho osservato i lineamenti distendersi,
consapevoli che lasciarti morire,
era regalarti alla vita.

E non so dove tu sia ora...

ho soltanto la certezza,
donata dalla tua forza,
che la fede...
è più potente...della morte.











 












Nessun commento:

Posta un commento

Oggi

Stanca primavera senza luce né ombre, rispecchi la mente malata di una società liquida ormai alla deriva. Le azioni hanno lasciato il po...