martedì 23 ottobre 2012

Vecchio Peter Pan



Giovane, vecchio Peter Pan.
Sei sempre tu,
mentre arrotoli tabacco, con mani da bambino.

La tua vita scorre veloce e fottuta

con l'impazienza che consuma una sigaretta.

Che fine ha fatto il tuo mondo?
Bruciato come incenso.
Annegato in un vinello annacquato.

Tu.
I tuoi sogni,
i tuoi antichi anni,
che promettevano un futuro a colori.

Poi...
il vuoto, la cenere, lo schifo,
la risalita, la ricaduta.
E...nuovamente la speranza
nello sballo di 30 anni bruciati.

Mi guardi,
sorridi, parli.
Sei sempre tu,
con tuoi occhi di cielo.

Peter Pan,
la vita non ti ha abbruttito.
Uomo-bambino senza tempo.

E sono io,
oggi la più forte.
Provo tenerezza,
e mi rivolgo a te come a un elfo capriccioso.

Vorrei tornare indietro,
scuoterti!
Farti sputare lo schifo che ti ha reso così fragile.

Invece ti guardo andar via,
con il tuo passo giovane,
il tuo sorriso allegro e i tuoi occhi annacquati.

Vecchio Peter Pan
ti volti, mi fai un cenno di saluto.
Te ne vai,
cercando
la tua isola... che non c'è.

Nessun commento:

Posta un commento

Oggi

Stanca primavera senza luce né ombre, rispecchi la mente malata di una società liquida ormai alla deriva. Le azioni hanno lasciato il po...