martedì 14 giugno 2011


Inesorabile cavalcata verso la fine...
se guardi la vita dell'essere è facile lasciarsi cadere nell'oblio del nulla.
Facile destarsi, per poi riappisolarsi mentre i giorni si susseguono moltiplicando le ore per anni...e nulla può fermare la corsa frenetica del passare delle stagioni di vita.
E mentre acerba un attimo prima ti accingi a vivere, un secondo dopo ti specchi e vedi una persona che dovrebbe aver vissuto una vita....ed invece il tempo si è sciolto in momenti che non puoi ritrovare, non puoi fermare e non puoi rivivere....
e la tua corsa continua fino all'onda d'urto che segnerà lo scadere del tempo...e quando la sabbia della clessidra finirà di scendere tu puoi aver vissuto o semplicemente esserti lasciato vivere...

Nessun commento:

Posta un commento

Oggi

Stanca primavera senza luce né ombre, rispecchi la mente malata di una società liquida ormai alla deriva. Le azioni hanno lasciato il po...