mercoledì 1 giugno 2011

FUTURO

il mio viaggio
la mia speranza



la mia barca
il mio aggancio con il futuro





Tra sogni di futuro e un presente fatto di nulla...ho preferito rincorrere i sogni, che poi forse sono fatti di nulla ugualmente.

Non importa il mezzo con cui corro incontro al domani...è il domani che ha un valore, il mio e quello di chi viaggia con me. 

Non sono importanti le miglia che mi distanziano dalla costa. E' la costa in sè, l'obiettivo che devo avere davanti....il domani che mi porta in un paese in cui il mio colore della pelle passa inosservato perchè nella democrazia non c'è colore...e posso essere un cittadino uguale agli altri, perchè nel mondo aldilà del mare non c'è razza, non c'è religione e non ci sono guerre. 

Nella terra che mi appare una striscia luminosa oltre le onde del mare posso trovare una casa, posso avere un lavoro e mandare a scuola i miei figli, i quali potranno un domani essere cittadini del mondo così come lo posso essere io ora. A loro, però,  darò la possibilità di avere radici mentre io mi sradico indifferente di fronte al mio sangue che scorre a terra...perchè non esiste dolore se il futuro ha in serbo la libertà..






Nel mio viaggio non troverò prigione se non sono corrotto, cattivo e violento e non mi  guarda nessuno con occhi indagatori se la mia coscienza è pulita. Nel mio viaggio non troverò fili di ferro a sbarrarmi il cammino perchè non sono in galera, perchè il mondo mi dà una possibilità che il mio paese mi toglie....


ma non esiste paese, non esiste dittatura nella mia meta, ma la semplice possibilità di essere un uomo...e nessuno mai nel mondo della libertà penserà a spararmi addosso e posso guardare questa terra che è anche mia alzando le braccia come preghiera di ringraziamento per chi mi accoglie dandomi la possibilità di vivere....




Foto stupende che in uno scatto sanno cogliere tutto ciò che fiumi di parole cercano di comunicare e non sempre riescono.

Nessun commento:

Posta un commento

Oggi

Stanca primavera senza luce né ombre, rispecchi la mente malata di una società liquida ormai alla deriva. Le azioni hanno lasciato il po...