venerdì 17 giugno 2011


Ancora una volta, dopo aver sentito il ministro Maroni parlare, ho interpretato il pensiero del colonnello...


Bombardatemi bastardi!
Luridi schiavi della ricchezza che non possedete e per cui vendete le vostre madri e le vostre figlie! Vermi occidentali, luride capre, servi dell'America.
Polvere...non siete altro che spazzatura eterna e non mi fate paura.
Io gioco a scacchi mentre voi fingete di cercarmi, luridi incapaci. Dal basso del vostro pensiero, per non inimicarvi forze che credete potenti  fingete di scagliarmi addosso bombe...ingenui dementi.....Uccidete solo il mio popolo, ma a voi cosa interessa? Cosa? I miei giacimenti che non avrete. Non sono vostri ma miei, servili figli di un Cristo che almeno è morto in croce mentre voi, luridi vigliacchi, dopo avermi giurato amicizia ammazzate la mia gente fingendo di cercare me.
Indegni d'anima, inferiori nel pensiero....
Voi con le vostre secessioni, i vostri puttanieri,  la vostra stoltezza non siete che marciume e il marcio va estirpato non coltivato. Occidentali schiavi di voi stessi, della vostra falsa politica che arricchisce le tasche di pochi con la falsità e l'inganno.
Non ho mai creduto alle vostre false lusinghe. Ho accettato i vostri fasulli onori solo per avere benefici. . e cosa ho ottenuto mischiandomi con voi?
Credete di ferirmi ? Di colpirmi?  Credete che uccidendo i miei figli mi facciate piegare? Non sono fatto della vostra pasta io...non sono fatto di gomma e non sono certamente i vostri numeri da circo a farmi bollire il sangue...
Burattini indegni di essere chiamati uomini. Nani o villani con il cravattino verde...equilibristi della politica solo quando questa è colorata di verde o di nero come il petrolio... E mentre io mi beffo di voi, poveri stolti continuate pure a sputtanare denaro per fingere di combattermi ..così la vostra fine sarà sempre più prossima e Dio saprà avere ragione sulla feccia che non è umana ma è zerbino e come tale merita di essere solo calpestata.

Nessun commento:

Posta un commento

Oggi

Stanca primavera senza luce né ombre, rispecchi la mente malata di una società liquida ormai alla deriva. Le azioni hanno lasciato il po...