sabato 2 aprile 2011

...






nostalgiche note d'aria in un paese che rotola su discese di sabbia,

note di cielo, vento, tempesta che non riusciamo a placare,
che non vogliamo calmare,

e mentre il paese rotola nel nulla,
tutto il passato, scritto da chi c'era prima di noi rimane semplice rovina di ciò che siamo stati e di ciò che non saremo più...

e tutto continua lento e inesorabile verso la fine di uno stivale che è diventato una scarpa rotta...

Nessun commento:

Posta un commento

Oggi

Stanca primavera senza luce né ombre, rispecchi la mente malata di una società liquida ormai alla deriva. Le azioni hanno lasciato il po...