martedì 15 marzo 2011

il mio Tricolore


Finalmente per la prima volta da quando sono al mondo vedo il tricolore sventolare...sventolare con l'orgoglio e la fierezza che deve avere una bandiera.

Troppe volte ho visto la bandiera affacciarsi desolata da balconi estivi, senza averne il senso, come rappresentazione di un pallone lanciato in porta, quante volte ho visto il tricolore sbeffeggiato, deriso per causa di un rigore...

quante volte la bandiera a rappresentanza di un vuoto assoluto, di cui anche lei stessa pareva doversi vergognare...

il Tricolore, quello che  sognavamo di essere, ciò che eravamo e quello che siamo oggi.

150 in cui fiera si è fatta calpestare, si è risollevata, è quasi morta ma poi come sempre ce l'ha fatta.  Mai un momento è stato più appropriato di questo per festeggiare un paese che è la culla della cultura, dell'arte...in cui hanno visto i natali più grandi talenti di tutta la storia...

nessun paese ci eguaglia e anche se qualcuno senza senso e senza patria ha pensato che fosse una festa inutile...io e ogni italiano non ci limitiamo a vivere in un territorio circocritto ad una nazione ma siamo noi stessi l'Italia, lo sono i nostri figli come prima di noi lo sono stati i nostri padri....

e mentre la bandiera sventola finalmente orgogliosa, io guardando il tricolore sono certa che il mio paese si risolleverà e questa bandiera ritroverà la fierezza e di coloro che orgogliosamente l'hanno unita amata e regalata a tutti noi.

Nessun commento:

Posta un commento

Oggi

Stanca primavera senza luce né ombre, rispecchi la mente malata di una società liquida ormai alla deriva. Le azioni hanno lasciato il po...