domenica 27 febbraio 2011

il mondo


Il mondo rotola, si arrabatta, si alza, ricade, titubante zoppica, si siede e ciclicamente vede l'alternarsi di cose, avvenimenti uguali..

Passano i millenni,  cambiano i tempi ma il mondo non riesce a rialzarsi. Guerre, persecuzioni, violenza...e sempre nei confronti di chi è già svantaggiato.
Nel ciclo continuo dello scorrere degli eventi, un uomo senza tempo uccide il suo
 mondo...ed è sempre uguale, sempre uguale.

Cambia l'idioma, l' abbigliamento, sembra invecchiare...ma è estremamente piccolo ed indifferente di fronte ad un mondo che lo avvolge e vorrebbe stringerlo a sè....

ma l'uomo è incapace di amare il suo mondo e tristemente scalciando si ritrae....Il
mondo ricade, davanti alla miseria piange, alla ricchezza smisurata si indigna, davanti al dolore sordo si accascia, alla rabbia inutile s'intimidisce, all'intolleranza si altera, se vede un pò di speranza cerca di risollevarsi...

e tristemente di fronte alla morte dell'anima ....si lascia infine morire.

Nessun commento:

Posta un commento

Oggi

Stanca primavera senza luce né ombre, rispecchi la mente malata di una società liquida ormai alla deriva. Le azioni hanno lasciato il po...