lunedì 7 febbraio 2011

BAMBINO

L'età dei primi fiori d'aprile, quando come rugiada la vita inizia....l'alba di un cammino irto per alcuni, pianeggiante per altri....un cammino che comincia da un vagito, da due braccia che ti avvolgono dolci, stanche di un dolore che è già gioia...e mentre apri gli occhi ad un mondo che non conosci, qualcuno ha scritto già la tua storia. Questo è il tuo tempo, il tuo paese, i tuoi geni...fasullo padrone di una vita che è tua ma non puoi scegliere come viverla...nè per quanto tempo...una vita legata alle vite che ti stanno accanto. Bambino che hai solo  il  dovere di fare il bambino, la cui unica certezza deve essere il poter sognare, il poter giocare con i sogni...e mentre sei bambino nessuno ti deve privare della possibilità di esserlo.


Nessun commento:

Posta un commento

Oggi

Stanca primavera senza luce né ombre, rispecchi la mente malata di una società liquida ormai alla deriva. Le azioni hanno lasciato il po...